Castagne VS Marroni, ecco le differenze

Castagne VS Marroni, ecco le differenze

Agli occhi di una persona non esperta, Castagne e Marroni potrebbero sembrare la stessa cosa, ma in realtà le differenze ci sono. E non sono proprio dettagli, a partire dal prezzo.

 

Fu già il decreto Regio del 1939 che ne stabilì le differenze, onde evitare malintesi.

 

Partiamo col dire che, anche se i Marroni hanno solitamente una dimensione maggiore rispetto alle Castagne, non è la grandezza il primo aspetto da osservare.

 

Infatti da un punto di vista prettamente estetico, i Marroni si riconoscono dalla loro forma allungata e omogenea. Questo perché all’interno del riccio ogni frutto ha il suo spazio per crescere e cresce libero e tranquillo. 

A differenza della Castagna, che nel riccio deve combattere per trovare il suo spazio. Per questo spesso cresce piccola e storta.

La differenza nella forma si ripercuote anche nella buccia e nella facilità di sbucciare il frutto. Infatti, il Marrone, avendo una forma più lineare si sbuccia più facilmente.

 

Veniamo all’aspetto più importante: Il Gusto.

I Marroni al palato risultano sicuramente più dolci e croccanti, e mantengono meglio la cottura.

 

Ma tutte queste differenze da cosa derivano?

Semplice, le Castagne sono il frutto del Castagno Selvatico, per questo non hanno subito processi di selezione da parte dell’uomo.

I Marroni invece sono il frutto del Castagno “Addomesticato”, giunto a noi dopo decenni di selezione ed innesti che hanno portato al raggiungimento di questi risultati.

 

Il prezzo?

Come avrete capito i Marroni spesso costano più delle Castagne.

 

Voglia di Marroni? Li trovi qui: Marroni di Cuneo

 

E’ il tuo turno, lascia un commento ⏬

No Comments

Leave a Reply

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

La Mela Verde di Nonna SmithLa Frutta a Natale?